Volti della Birmania

Ciao, oggi riporto alcune riflessioni fatte durante il mio intenso soggiorno in Birmania.   E’ il 30 gennaio e sono qui. Sto aspettando di imbarcarmi sul sesto volo in 15 giorni di viaggio. Sto lasciando un mare stupendo per raggiungere Sittwe, la più antica capitale di questo stato. Che emozioni intense, tanti incontri con persone diversissime da noi eppure, in fin dei conti, così uguali. Ogni cosa è estranea alle mie abitudini, così lontana da tutto e da tutti che dovrei essere nel nirvana adesso! E invece no. Il tango con voi e con la passione mia più intensa, la musica, non mi abbandona mai. Se mi manca qualcosa è proprio questo: la vostra presenza e la musica. Si qui ho avuto rare occasioni per ascoltare musica. Meno male ho messo l’Ipod pieno di tanghi nello zaino. Quanti ne ho ascoltati!   . Certo questa gente pacifica e sempre sorridente, la loro religione, le loro abitudini estremamente semplici suscita in me molti spunti meditativi. Qui milioni di persone praticano il buddismo. Per quanto ho capito il buddismo è una filosofia di vita che gli uomini hanno modificato in religione con tutti gli orpelli comuni a tutte le altre: santi, icone, immagini, statue, santuari, pagode, luoghi sacri. Insomma un bel mercato. Una delle nostre guide, molto religiosa, crede nella reincarnazione che serve per meritarsi il nirvana che è simile al paradiso. Non la contraddico ma penso che dal punto di vista cristiano lei come altri miliardi di persone non andrà mai…

Leggi altro

Potrai riprenderti quando saprai dei particolari della trama?

. Lucille ha due grandi amori, Il Tango e la Scrittura.     . . Adora ballare e scrivere un fiume di pensieri. Se il suo ragazzo avesse accettato di iscriversi con lei ad una scuola per imparare i passi del tango, lei sarebbe stata la ragazza più felice del mondo.       Si, Lei Lucille scrive …        Lei ha un’innata forza sognante, idilliaca, che riesce a mettere sul foglio. E scrivendo di tango migliora anche il suo modo di ballare.    Il suo ragazzo vede che queste fonti gioiose per Lucille possono diventare delle ”rivali” in amore.   Lui è un tipo molto stravagante, e lascia, seppur bendato, il passo al Señor Tango.       . . . Si, perché un giorno lei, Lucille, prende un foulard e lo benda.     . Una volta bendato comincia a sussurrargli le emozioni di quando balla e di quando scrive.    . Questo è solo l’inizio di una storia probabile che potresti scrivere anche tu, in forma diversa, su questo spazio a tua completa disposizione:    . . Senza saperlo sarai felicemente travolto da emozioni, rivivrai le tue ed altre avventure e forse, solo forse, dopo un ricco Buffet di Segreti, potrai ritrovarti in qualcosa di speciale, una energia che ti conquista, una Storia stimolante ed avvolgente, un’esperienza in cui potrai rispecchiarti.     Si ancora, dove eravamo rimasti ? ecco Lucille scrive:      . …….  Gli ho raccontato tanto e lui bendato comincia a…

Leggi altro

“Tango illegal” impazza….

Il “Tango illegal” impazza tra gli appassionati di tango argentino…   Ha fatto tappa in ogni città! Vi partecipano tangueri da tutta Italia, che scelgono di volta in volta una piazza nuova da esplorare. Ad Abano Terme circa cento appassionati si sono ritrovati nella storica piazzetta aponense per improvvisare dalle 21 alle 23 una serie di giri di tango, che hanno attiratto la curiosità dei passanti. Di “illegal” in realtà vi è solo il nome, perché si tratta di un ritrovo fra amici che usano la tecnologia per passare le sere a ballare qualche tanda di tango per le strade e piazze della città. I “tangueri”, che spesso non si conoscono tra di loro e che socializzano proprio nelle piazze in cui vengono organizzati via web gli eventi, girano muniti di uno stereo portatile, che diffonde le note della sensuale musica argentina. Qualcuno ha ballato in mezzo alla piazza, altri si sono dilettanti sotto ai portici, soprattutto quando ha iniziato a cadere qualche goccia di pioggia. Il “Tango illegal” ha coinvolto anche i passanti, che si sono uniti alle danze.   La Prossima città?       Articolo scritto da Francesco Tagliabue     

Leggi altro